Bad Ground

by Ascanio Borga

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €3 EUR  or more

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    Includes unlimited streaming of Bad Ground via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 7 days

      €5 EUR or more 

     

  • Full Digital Discography

    Get all 7 Ascanio Borga releases available on Bandcamp and save 35%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of Raw Science, Altered States, Xenomorphic, Peripheral Vision, Bad Ground, Liquid Symmetries, and Inner Geometry. , and , .

      €9.75 EUR or more (35% OFF)

     

1.
11:25
2.
35:34

about

The most recent Bad Ground finds Borga reveling in abstract guitar craft, gently teased by the odd synth and tempered effects. Across the 11-minute-plus “The Boundary,” Borga’s command of his instrument is truly profound: building discretely-timed layers of dank chords left to infinitely decay, tiny noises flickering away like fireflies dying in a shower of radioactive ash, he erects an insolationist music whose gigantic proportions rival that of Final’s Justin Broadrick or Mick Harris. And the epic title track is an even more unsettling experience, as waves of rubbed feedback coarse about a landscape of feathery drones awaiting the arrival of Lovecraftian Old Ones. Excellent.

Darren Bergstein ei-mag.com/verite0007.php

Cdr più che professionale con tanto di bollino siae. Soltanto due lunghi brani (il secondo lunghissimo !) di ambient /drone stridente, tagliente e grezza come lama arrugginita, sound corposo e avvolgente soprattutto se ascoltato ad alto volume, personalmente preferisco questo tipo di sound soltanto se sviluppato in brevi tratti ma al contrario per gli amanti può essere veramente un masterpiece che in pochi secondi è capace di avvolgerti nella sua acida atmosfera.

Andrea Penso (www.freakofnature.it/coldcurrentprod/mansard.htm /Selaxon Lutberg)

Disquieting homemade isolationism by Ascanio Borga of Rome. "Bad ground" sounds like a biologist´s characterization of what is left behind to rot in the soil by industrial pollution, or confines where something terribly evil has happened, like a death camp. Either way, Borga´s "soundscapes of utter desolation" are no tourist sites.
Released last year, this is apparently Borga´s first album in four years, but if a gestation period of that length is necessary for him to conjure up such spine-tingling "untertainment", then I´ll gladly wait until 2010 for the next one. For Bad Ground is a minor masterpiece of hopelessness.
The CDR is comprised of two suites. "The Boundary" would have made a highly serviceable alternative soundtrack to Andrei Tarkovsky´s seminal film "Stalker". As in the movie, one should heed the guide´s warning about crossing into this zone - what lays beyond is frightening, inhuman, and beyond reclamation. The scariest thing is that, despite the environment´s utter lack of fecundity, there does seem to be "life" of some sort dwelling inside the drones - but not life as we know it, or would voluntarily choose to acquaint ourselves with.
That eleven-and-a-half minute piece segues seamlessly into the thirty-five minute title track. Nothing but hostility here, either, both from above and below. With electric guitars, synthesizers and samples, Borga succeeds in turning the very earth we walk upon and the skies that vault above us into a single, leaden, threatening habitat. Almost disconcertingly, the final ten minutes feature soaring guitar chords over a bed of cozy, deeper note clusters, almost a pick-me-up; perhaps there is some kind of redemption, some sanctuary to be found here after all.
An excellent accomplishment and a worthy example of the genre.

Stephen Fruitman - sonomu.net/text/~ascanio-borga-ba/

Bad Ground (2006) is mostly taken up by the 35-minute Bad Ground, a melodramatic electronic symphony that represents a quantum leap forward for Borga. This is intense abstract soundsculpting with an almost neoclassical elegance.

piero scaruffi - www.scaruffi.com/avant/borga.html

(...) Il cd-r in questione arriva diretto da Roma e si tratta di un giovane compositore romano dedito alla sperimentazione con oscuri e potentissimi drones isolazionisti. Il lavoro diviso in 2 pezzi per un totale di 47:01 minuti ci fa sprofondare in meandri oscuri e in cui si viene avvolti dai suoni stessi proposti. Buona la cura del suono e buono tutto il prodotto, nonostante si tratti di un'autoproduzione “homemade”. Da dire anche che il nostro è stato inserito in uno dei recenti podcast della staalplaat. Fatevi un giro sul sito e sostenetelo acquistando il cd. A volte non bisogna andare all'estero per apprezzare buona musica.

Andrea Buratta (Noise) - romastyle.info/index.php?option=com_content&Itemid=2&task=view&id=1039

Italian mathematician and musician Ascanio Borga draws no line between harsh and subtle. His somber isolationist post-industrial experimental drone music plays with minimal light and maximal shadow in a way that allows for a deeper exploration of the dark-ambient soundscapes that his musical brush paints. He conquers and masters the ability to create and exploit space and does so with skillful taste. Sounds are few and far in between and only sometimes augmented by the coloration of an underlying background sound, your bad ground, possibly...
"Bad Ground" is a 47 minute long 2 piece suite sub-divided into a total of 8 separate movements, the distinction of which might not always be unquestionable, but aids in the development of an evolutionary thread of some sorts.
Unfortunately my choosy CD player disliked this CD-R release and I couldn't fully enjoy its entire duration, but before it became unbearably skippy, I actually got a glimpse of that random and seldom warpy light I mentioned earlier, a light that Borga might want to further pursue and chase to find an even more interesting dimension where he could possibly not draw a line between light and darkness, just as well as he doesn't between harsh and gentle.
Definitely worthy of everydark-ambient-experimental-drone loving listener's attention. (4/5)

Marc Urselli-Schaerer - www.chaindlk.com/reviews/?id=3255

Che il circuito romano avesse dato alla luce tutta una serie di musicisti 'ambientali' in senso più che mai lato, credo non sia un mistero per nessuno e lo dimostrano anche le pubblicazioni di Nimh e Oophoi su etichette che di tutto rispetto. Il debutto di Ascanio Borga si può inserire in un contesto simile (seppur non identico), chi di voi aveva navigato fra le tracce della ciclopica raccolta on-line che celebrava il decennale Afe forse se lo ricorderà e ad onor della cronaca comunque non si tratta del cd d’esordio. Borga in un certo senso può essere avvicinato ad altri ottimi italiani come Sostrath Tinnitus e Cria Cuervos, nel senso che pur non trattandosi di dark ambient in senso stretto, ci troviamo vicino alla all’isolazionismo e paludi affini. Due tracce per quasi cinquanta minuti, ogni singolo episodio composto da diversi movimenti che non si fa fatica ad individuare nel corso dell’ascolto. Drones e tappeti di synth diluiti con parsimonia evitando il rischio di ispessire una coltre attraverso la quale si finirebbe inevitabilmente di affondare, anzi, il musicista romano sembra parecchio attratto dall’uso dello spazio, vista la pazienza con cui muove tutte le ombre (i suoni) che attraversano il palcoscenico. Se, come credo sia vero, la musica ambient e la sperimentazione di un certo stampo siano fortemente debitrici nei confronti della musica classica, lavori come "Bad Ground" ne sono la fulgida testimonianza. Come suggerito dal titolo, non si tratta di un lavoro solare, nonostante ciò, proprio alla fine della traccia omonima, Borga si apre ad uno spiraglio di melodia che fa breccia nell’atmosfera plumbea di questo disco. Qualche suono di synth è sicuramente migliorabile e l’aderenza agli stilemi del genere a tratti è molto forte ma ciò non toglie che le tracce di Borga dimostrino come abbia già le idee molto chiare. Quindi si parla di musica 'drone oriented' piuttosto matura, si può dire che ’…se son rose fioriranno…’ e tutte le ovvietà che si dicono in queste caso, resta che se si ci trovassimo di fronte al caso di un altro 'paisà' che iniziasse ad incidere a ripetizione per etichette di settore non ne rimarrei per nulla sorpreso.

Andrea Ferraris - www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=742

(...) Which brings us to 'Bad Ground', after a leap of four years his latest release. Not sure what happened in those four years, but life certainly has become a little bit more dark for Borga. Only two tracks here, still spanning forty-seven minutes, but what is captured here is certainly more dark than the previous two releases. Ambient industrial music with a big 'A' and a big 'I'. Chilling to the bone, this is a post-nuclear war soundtrack. The last man on earth wanders around through the wasteland and the nuclear fall out is everywhere. The music is like a giant dark cloud hanging over this desolate landscape and rusty chains mark the no go area. By far the best release of the three, even when also 'Bad Ground' walks common ground in the world of ambient industrial music, but it's executed with great care.

Frans de Waard - www.vitalweekly.net/550.html

Inizia con dei rintocchi oscuri e dilatati nel tempo il terzo CD (pubblicato privatamente) di Ascanio Borga, giovane musicista romano dedito all’esplorazione in territori ambient-isolazionisti. Rintocchi che pero’ danno vita a profondi drones, che si alimentano di inquietudini rimaste celate negli spazi interiori. Diviso in due lunghe suite, Bad Ground e’ un’opera matura in cui alla continua ricerca sul suono, spesso generato da chitarre massicciamente filtrate, si affianca un equilibrio nella struttura. Un disco scuro quindi, capace di far incontrare Koner con Robert Rich, ma ancora memore della lezione dei Tangerine Dream di Phaedra. Eppure dopo tanta tensione e densita’ nel finale si diradano le nubi, facendo affiorare nuovi toccanti melodie. (8/10)

Edoardo Gagliardi - Rockerilla

Sicuramente il CD-R più maturo, significativo e "attuale" di Ascanio Borga, artista che pur avendo già dato prova di grande talento, capacità e inventiva, riesce con questo "Bad Ground" a superare alcuni limiti stilistici che continuavano in una certa misura ad "affliggere" le proprie precedenti produzioni musicali, probabilmente ancora troppo legate a "formule" e sonorità caratteristiche di una ambient music tipica degli anni passati che faticava a rinnovarsi e ad "osare" maggiormente, concedendo meno agli aspetti più melodico-musicali, e "azzardando" l'uso di suoni più drone-oriented, meno sintetici, forse d'impronta più vicina al "rumore" che non al "suono" vero e proprio, ma dalle caratteristiche timbriche più ricche e variegate, più complesse, meno prevedibili... Con "Bad Ground", lavoro autoprodotto, Ascanio Borga sembra spostare dunque il proprio punto focale sulla ricerca del suono e delle sue sofisticate elaborazioni-stratificazioni piuttosto che sulla ricerca di una "musicalità" dai marcati connotati estetici, pur mantenendo ed esternando talvolta, però in modo sicuramente più "arguto", evoluto, misurato e "controllato", il suo imprescindibile "bisogno" di trame sonore che contengano in sè elementi di una pur velata "musicalità". Ascanio Borga affronta inoltre questa nuova prova continuando a lavorare con la medesima attenzione e dedizione già riscontrata in passato all'aspetto compositivo. Pur impiegando ampiamente sonorità prevalentemente "drone oriented" per lo più generate attraverso l'uso di chitarra elettrica, distorsioni, feedbacks, l'artista non si limita a proporre semplici e autoindulgenti evoluzioni di basse frequenze dal marcato sapore rumoristico, ma elabora e costruisce su tali fondi molto oscuri delle vere e proprie composizioni elettroniche, anche a tratti con l'ausilio di sintetizzatori e sequencers tenuti però sempre opportunamente molto distanti e "sprofondati" nel panorama sonoro, utilizzati in modo molto moderato, "discreto" e ben integrato, plasmando e "scolpendo" con attenzione il materiale sonoro, stratificando, sovrapponendo tracce, suoni, ronzìi; creando passaggi, flussi, atmosfere e situazioni ben ponderate e "controllate", mai lasciate evolvere in modo troppo "disinvolto", confusionario o pseudo-randomico. Quarantasette minuti di musica per un validissimo CD-R costituito di due sole tracce, di cui la prima più breve, molto tesa e oscura, assolutamente straordinaria e di grande impatto dinamico-emotivo grazie ad un potente effetto "crescendo", pensata quasi come "intro" e forse per questo motivo un po' "sacrificata" nei suoi soli 11:25 minuti di durata, e una seconda traccia di 35:34 minuti che è il vero "cuore pulsante" di questo CD-R, in cui tra atmosfere oscure e tese di analoga impronta, in bilico tra dark-ambient, reminescenze post-industriali e isolazionismo, emergono talora straordinari "ribollìi" magmatici e suoni d'impronta un po' più elettronica, per poi trasmutarsi verso il ventitreesimo minuto in una forma sonora di tipo più "tradizionalmente" ambientale caratterizzata dall' intervento di una slide guitar e alcuni piccoli "tocchi" di synth, che forse, unica marginale osservazione "critica" che mi sento di fare, contrasta un po' troppo con il resto, alleggerendo in misura un po' eccessiva la tensione straordinariamente indotta da quanto ascoltato fino a pochi istanti prima... Soltanto per una manciata di minuti comunque, perchè poco oltre il contesto sonoro torna a ad essere sufficientemente "scuro" e in linea con le atmosfere più tese che caratterizzano la quasi totalità del CD, sgretolandosi poi gradatamente e dissolvendosi lentamente nel silenzio...

Giuseppe Verticchio - www.oltreilsuono.com

credits

released July 1, 2006

_

neural overload documented between december 2004 and february 2006
mixing v2k studio february-march 2006
32 bit mastering v2k studio june 2006

ab - treated guitar, synhtesizers, samples
all music & cover by ab
acknowledgements: Maurizio (Transmission), Renzo Pin, Luca/Nahui, Giuseppe Verticchio/Nimh, Piero Scaruffi

all music is recorded in wrong intonation - due to its wide dynamic range, we suggest you to listen to this music at extremely high volume

this album is dedicated to Antonio Piccinino (1977-2006) with whom I shared my first musical experiences in 1993-94, and of course to my father Francesco M. Borga (1939-2005)

english is used as international language

tags

license

all rights reserved

about

Ascanio Borga Rome, Italy

This page is a home for Sonic Boundaries experimental music label.

contact / help

Contact Ascanio Borga

Streaming and
Download help